I Simboli Dell’arte Sacra

Il simbolo è un ponte tra il visibile e l’invisibile; una finestra sul mistero capace di squarciare i limiti
della cosiddetta “coscienza razionale” che domina la cultura scientifica del nostro tempo e di parlare
a quel livello dell’essere che precede la formazione del pensiero e la dinamica dell’azione,
determinandoli entrambi.
Per questo la contemplazione dei simboli agisce sull’Anima e sulla vita dell’uomo con una potenza
trasformativa che nessuna analisi filosofica e nessun dogma o precetto religioso possono
raggiungere, a condizione che non vengano definiti e cristallizzati, privandoli così della loro
inafferrabile e proteiforme vitalità.
Ecco perché il linguaggio più adatto per addentrarsi nell’universo simbolico non è quello della
filosofia, della teologia e tanto meno della scienza, così come oggi viene intesa, ma piuttosto quello
dell’Arte, della poesia, della favola e del mito.
Vi proponiamo un percorso di incontri tematici che, attraverso le immagini dell’Arte, i miti e i
racconti di ogni tempo e di ogni tradizione, ci farà scoprire, passo dopo passo, i meravigliosi aspetti
della Matrice che, al di là delle differenze storiche, culturali o religiose, è la fonte di ogni autentica
manifestazione creativa.
Viaggeremo dunque nell’Arte sacra di oriente e di occidente, dalla preistoria ai tempi nostri, senza
seguire un filo storico descrittivo, ma al contrario, lasciandoci guidare dai simboli comuni con lo
stupore di chi scopre un linguaggio segreto, eterno, universale e trasformativo.
Ci guiderà Attilio Castronuovo, Naturopata, appassionato di arte e tradizioni simboliche, curatore
del libro “Castel del Monte. Il Tempio della Rosa” (Gagliano edizioni) e del webdoc “Grotte e
ipogei come luoghi iniziatici e simbolici” nel sito viaggiareinpuglia.it
Il corso si terrà a cadenza mensile, orientativamente il sabato della seconda settimana di ogni mese
e le tematiche saranno di volta in volta comunicate.